Froce incivili!!! Vogliamo molto più di cirinnà! #Veniamovunque 21 maggio@Bologna

“Corrono tempi bui. Mesi di travagliate discussioni affinchè i parlamentari decretassero che le froce si possono unire in coppie docili e mansuete, senza pargoli da allevare. Ma ben prima della loro autorizzazione, abbiamo costruito e viviamo reti d’affetto multiple, fatte di amiche, compagn*, fratelle, sorelli, bambin*, amanti.”

montecit3

 

Le unioni civili non ci bastano: siamo finocchie selvatiche e incivili!

montecit2

“Siamo le guerrigliere della lotta anale contro il capitale. Proclamiamo al mondo la dichiarazione d’indipendenza della Popola delle Terre Storte. Proclamiamo l’inizio della de-civilizzazione. Rifiutiamo la logica che divide le culture in avanzate e arretrate con la scusa dei diritti delle donne o delle cosidette minoranze sessuali.”

 

Ieri abbiamo raggiunto la piazza di Montecitorio per invitare tutte, tutti e tuttu alla Manifestazione NazioAnale Transfemminista Lella Frocia del 21 maggio a Bologna! 

montecit1

 

 

“Irrompiamo nello spazio pubblico oltre le forme autorizzate del vivere. Ci prendiamo tutto lo spazio che ci serve. I pompieri sugli alberi miao, gli sgomberi ciao. Siamo l’imprevisto nell’ingranaggio del capitale.”

VENITE E GODETE CON NOI!VOGLIAMO AUTODETERMINAZIONE, ABBATTERE I CONFINI, RIPRENDERCI LE STRADE E SPAZI AUTOGESTITI!

Per partire da Roma scrivete a  veniamovunque_roma@autistici.org

 

Posted in eventi, General | Leave a comment

VENIAMO OVUNQUE! Assemblea di avvicinamento al corteo del 21 maggio a Bologna

 

sommov7

Ciao a tutt*,
vorremmo invitarvi l’11 maggio dalle 18.30 allo spazio delle Cagne Sciolte (via Ostiense 137b) per una chiacchierata di presentazione del corteo transfemminista queer che stiamo organizzando con il Sommovimento NazioAnale per il 21 maggio a Bologna.
In basso trovate il testo di convocazione della piazza e i contatti nazionali.
Speriamo di vedervi in tant*!

“….Siamo finocchie selvatiche, femministe in erba, trans in fiore, genuine e clandestine: creiamo genealogie e parentele oltre le specie. Siamo trans-ecologiste e resistiamo alla radioattività della famiglia nucleare sperimentando forme sovversive di affetto, piacere, solidarietà, relazione.
Siamo le guerrigliere della lotta anale contro il capitale….”

Corrono tempi bui. Grigi signori in piedi con libri in mano, schierati a scacchiera nelle piazze, predicano di correre subito ai ripari perché imminente è la disfatta dell’ordine (v)eterosessuale e la vittoria dell’Internazionale Frocialista. E hanno ragione. Senonché di ripari, non ve n’è alcuno!

Corrono tempi bui. Mesi di travagliate discussioni affinché i parlamentari decretassero che le froce si possono unire in coppie docili e mansuete, senza pargoli da allevare. Ma ben prima della loro autorizzazione, abbiamo costruito e viviamo reti d’affetto multiple, fatte di amiche, compagn@, fratelle, sorelli, bambin*, amanti.

Corrono tempi bui. Società sessiste e eteropatriarcali si scoprono paladine della libertà femminile solo quando serve per mostrificare i musulmani e militarizzare le città. Ma la lotta delle donne contro la violenza maschile è da sempre autorganizzata. Femministe, migranti e froce di tutti i colori già sfilano insieme per distruggere i confini e per il transito illimitato tra i generi e i territori.

Corrono tempi bui. Vi sono luoghi di lavoro in cui ci dobbiamo fingere eterosessuali, altri in cui siamo obbligate a regalare la nostra eccentricità all’azienda, confezionandola secondo i desideri dell’ufficio marketing. E anche se il glamour gay, lo chic lesbo, il look underground fanno aumentare i loro profitti, misera è la nostra paga e precaria la nostra vita. Ora basta! Mentre si prepara la fucsia primavera, se proprio dobbiamo venderci, saremo noi a stabilire il prezzo e il modo.

Froce incivili, creative esaurite, camioniste fuori moda, vecchie checche senza contributi, trans* euforiche/i/u, massaie critiche, butch insolventi, puttane inflazionate, nonne ribelli, precarie messe al bando, ci siamo unit* e proclamiamo al mondo la

DICHIARAZIONE DI INDIPENDENZA DELLA POPOLA DELLE TERRE STORTE

Siamo finocchie selvatiche, femministe in erba, trans in fiore, genuine e clandestine: creiamo genealogie e parentele oltre le specie. Siamo trans-ecologiste e resistiamo alla radioattività della famiglia nucleare sperimentando forme sovversive di affetto, piacere, solidarietà, relazione.
Siamo le guerrigliere della lotta anale contro il capitale.

Sottraiamo la nostra creatività ai brand della moda. La contessa di AccaEmme, la regina di Kos, da oggi si vestiranno da sole.
Designer e parrucchiere, stiliste e commessi, allestiamo apparati effimeri per il funerale dell’eterosessualità obbligatoria.
Lesbiche virtuose del fai-da-te, non maneggiamo più trapani, seghe, martelli per vendere le merci del Re Merlin, ma li usiamo per costruire spazi liberati dallo sfruttamento e dalla competizione neoliberista.
Ci siamo già infiltrate nelle redazioni dei giornali femminili, delle radio commerciali, della televisione nazionalpopolare: interrompiamo la trasmissione dei ruoli sessuali e la programmazione delle nuove identità preconfezionate, produciamo format di sovversione.

Con i poteri che ci siamo date, aboliamo il culto dell’autoimprenditorialità e l’obbligo di trasformare tutto ciò che siamo e facciamo in qualcosa di spendibile sul mercato del lavoro. Startuppami ‘sta fregna!
Con le briciole di riconoscimento concesse dall’azienda e dalle politiche antidiscriminatorie ci facciamo i biscottini. Abbiamo comunque deciso di prenderci tutta la pasticceria.

Parliamo noi per noi stes(s)e e ci autoriconosciamo, le une con gli altri/e/u.

Sottraiamo per sempre i nostri saperi e quelli prodotti su di noi all’Accademia del Capitale, per restituirli alla libera circolazione. Non saremo più un caso di studio, perché le nostre vite eccedono qualunque teoria: autogeneriamo conoscenza su di noi, animali umani e non umani, e sul mondo.
Ci riappropriamo in forma collettiva e autogestita dei nostri corpi, della loro capacità di godere, di creare, di trasformarsi.
Nelle consultorie transfemministefroce, decostruiamo e ri-costruiamo i nostri corpi con tutte le protesi fisiche e chimiche che desideriamo, reinventiamo i canoni estetici, i piaceri, il concetto di salute e sovvertiamo le pratiche della cura.

Lavorare stanca: nella fucsia primavera proclamiamo l’abolizione del ricatto del lavoro.
Istituiamo un piano queerquennale che prevede casa, luce, acqua, rose, gardenie e fiori di lotta perpetua per tutti, tutte e tette.
Siamo stufe di stare in appartamenti cari e brutti: ci riprendiamo basiliche, ville, condomini sfitti e castelli per tutti, tuttu e tutte! A ciascuna, ciascuno e ciascunu secondo i suoi bisogni, i suoi desideri, le sue fantasie.

Proclamiamo l’inizio della de-civilizzazione. Rifiutiamo la logica che divide le culture in “avanzate” e “arretrate” con la scusa dei “diritti” delle donne o delle cosiddette “minoranze” sessuali. Sostituiamo l’avanzata rettilinea del Progresso con percorsi obliqui, grovigli, passi di danza, vagabondaggi.

Ci prendiamo tutto lo spazio che ci serve. I pompieri sugli alberi miao, gli sgomberi ciao.

Noi, Popola delle Terre Storte, irrompiamo nello spazio pubblico oltre le forme autorizzate del vivere.
Siamo uscite/i/u dalle dark room, dalle palestre, dai ritiri in campagna, debordiamo dagli spazi autogestiti sgomberati, dalle strade e dai marciapiedi, dai luoghi perimetrati dove volevate ghettizzarci. Convergiamo in spazi comuni in continua espansione. Contaminiamo ogni luogo con la nostra favolosità: ogni via, ogni strada, ogni angolo ci serve per ridisegnare le geografie dei desideri e dei piaceri. Chi ci voleva a casa a spolverare i mobili, ci ha trovato in strada a polverizzare i ruoli di genere.

Siamo l’imprevisto nell’ingranaggio del capitale. Venite e godete con noi!

Sabato 21 maggio, Bologna

Manifestazione nazioAnale TransfemministaLellaFrocia

VENIAMO OVUNQUE!
Spazi corpi desideri autogestiti

Per info:
sommovimentonazioanale.noblogs.org
campeggia@anche.no (contatto nazioAnale)

Posted in eventi, General | Comments Off on VENIAMO OVUNQUE! Assemblea di avvicinamento al corteo del 21 maggio a Bologna

NO PINKWASHING__FREE PALESTINE!

Riceviamo e diffondiamo:

Questa mattina sulle mura del CINEMA MASSIMO di Torino è apparsa una scritta che denuncia la partecipazione per la terza edizione consecutiva dell’ UFFICIO CULTURALE DELL’AMBASCIATA DI ISRAELE A ROMA, al Torino Gay Lesbian Film Festival.
Questa presenza non è casuale, ma si inserisce all’interno delle politiche di propaganda Israeliane volte a SCIACQUARE il sangue del massacro perpetuato ogni giorno sul popolo palestinese, su persone di ogni genere e sesso, e apparire un Paese aperto e accogliente per le persone queer.
Noi Queer che viviamo in Europa lottiamo ogni giorno contro l’omofobia e l’oppressione nelle nostre città, e nello stato di democrazia rifiutiamo che i nostri diritti vengano usati per creare privilegi ai danni delle persone migranti, sosteniamo il popolo palestinese e BOICOTTIAMO qualsiasi iniziativa che si presenti con questa faccia e con il Marchio di Israele.

QUESTO NON é UN FILM, ISRAELE FUORI DALLA PALESTINA

NO PINKWASHING _ FREE PALESTINE

pal 1 pal 2

Posted in General | Comments Off on NO PINKWASHING__FREE PALESTINE!

VENERDì 6 MAGGIO – IL SABBA DELLE CAGNE

VENERDì 6 MAGGIO

IL SABBA DELLE CAGNE
Visioni Blasfeme Orge Sonore Pratiche Queer
rito propiziatorio per celebrare la rigenerazione di generazioni di cagne

GRANDE FESTA BENEFIT per le spese legali delle Cagne Sciolte

VERNICE dei nuovi interni realizzati da MP5
https://www.facebook.com/MP5art/?fref=ts
www.mpcinque.com

dalle 18.00 alle 2 di notte

CENA VEGAN
BEVERAGGI
PROIEZIONI VIDEO

MUSICA E DJ SET con:

PLAYGIRLS from CARACAS
https://www.facebook.com/groups/playgrrrlsfromcaracas/?fref=ts

INVASIONI BALCANICHE
MISTRECE & GINA LYMUSYNA
https://www.facebook.com/misgyna/

LADY MARU
https://www.facebook.com/ladymarumaru/?fref=ts

 

all night long, DIVENTA CAGNA / SUPPORT/ ENJOY*

via Ostiense 137b / metro garbatella / bus 23, 271, 770, 769

 

 

cagne flyer immagine

Posted in eventi, General | Comments Off on VENERDì 6 MAGGIO – IL SABBA DELLE CAGNE

SE TOCCANO UNA TOCCANO TUTTE!

Luglio 2013.

Manifestazione notturna al cantiere Tav di Chiomonte. Marta, una compagna pisana viene fermata dalla polizia dopo una violenta carica. Pestata, insultata e molestata sessualmente dalle forze dell’ordine, viene pure denunciata.
Alla prima udienza del processo il Movimento notav organizza un presidio per non lasciare Marta da sola ad affrontare quel difficile momento. Un gruppo di compagne, donne, amiche decide di portare uno striscione che oltre a solidarizzare con Marta, denuncia le violenze della polizia. “Se toccano una toccano tutte”. Un gesto di solidarietà femminista, contro la violenza maschile in divisa nei confronti di una compagna. Non fanno in tempo ad aprirlo per appenderlo fuori dal tribunale che la polizia carica, manganella e poi denuncia. In un processo farsa in cui le molestie subite da Marta vengono completamente rimosse così come le ragioni del presidio, le compagne vengono accusate di ogni sorta di reato. La Pm punta il dito sul “clima festoso” del presidio a indicare la pretestuosita’ della presenza del movimento. Per la Pm le donne presenti avrebbero dovuto vestirsi a lutto e piangere tutte le loro lacrime per dimostrare il loro dolore per la vittima? Una reazione determinata da parte di quelle donne è un fatto così inaccettabile e incomprensibile? Ancora la Pm insiste con una testimone sul fatto che non avendo subito lei stessa violenze sessuali non avrebbe potuto capire e quindi solidarizzare con una donna che invece quelle violenze diceva di aver subite. Queste sono solo alcune delle perle che si sono sentite durante il processo. Oggi la sentenza e la condanna a 8 mesi per chi ha osato esporre lo striscione.
Giustizia è fatta. La loro.

Assemblea Antisessista Torino1234961_630785636954964_1160056135_n

Posted in General | Comments Off on SE TOCCANO UNA TOCCANO TUTTE!

9 APRILE: Cagne Sciolte a sostegno di Radio Ondarossa

ror_9aprile_cagne

 

 

 

 

 

 

 

h 18 –> presentazione del libro

“POLITICHE DELL’ORGOGLIO. Sessualità, soggettività e movimenti sociali”

Ne discuteremo con il curatore del libro Massimo Prearo e con i/le compagn* di “Profondo Rosa”, trasmissione di Radio Ondarossa

h 21 –> cena a sottoscrizione benefit radio ondarossa

A seguire —> musica con dj della radio

 

 

 

 

Posted in eventi, General | Comments Off on 9 APRILE: Cagne Sciolte a sostegno di Radio Ondarossa

Ieri, in qu(e)er der Pigneto…

Riceviamo e diffondiamo…

“Casapound ha annunciato un blitz al pigneto in questi giorni, contro il degrado e per la libertà dei residenti. Ci tenevamo a fargli trovare il nostro caloroso benvenuto, ricordandogli che quella libertà noi ce la riprendiamo ogni giorno attraversando le nostre strade e con l’augurio di non incontrarci mai né in questo quartiere né altrove.

In que(e)r der pigneto”12903793_10156969478240144_1065916527_o

Posted in eventi, General | Comments Off on Ieri, in qu(e)er der Pigneto…

5/03 Ciao Còre… Cabaret!

Ciao Còre!
Un freak show per sabotare ed evadere dalle convenzioni dell’amore da baci perugina. Una serata di divertimento, cibo, musica e complicità, benefit per le spese legali dello spazio.
Dalle 20 in poi cena popolare vegan, Cabaret e performances, Dj set con ospiti a sorpresa. Vieni, ridi e sottoscrivi!cabaretok

Posted in General | Comments Off on 5/03 Ciao Còre… Cabaret!

Contro il family day_famolo gay e famolo in sei!

Stamattina passeggiando per le strade del centro di Roma, oltre a orde di paladini cattolici e nazifascisti della famiglia, guardie ad ogni angolo e preti come se piovesse…abbiamo avuto il piacere di vedere che c’è anche chi resiste alla retorica omofoba e familista e rivendica la libertà di amare, desiderare e scopare con chi vuole!

famolo gay

 

Posted in General | Tagged , , | Comments Off on Contro il family day_famolo gay e famolo in sei!

31/01 Cena di sostegno per le spese legali dello Spazio @ Sala da thè Fronte del Porto Fluviale

In seguito alle vicissitudini estive e autunnali (di cui potete leggere qui e qui), ci siamo accollàte per una sera alla Sala da Thè in via del Porto Fluviale 18, per un’iniziativa a sostegno delle spese legali dello Spazio.

Vi aspettiamo domenica sera per una cenetta vegan delle nostre, con aperitivo, proiezione cinematografica e sottofondi musicali by Nancy.

[ vi informiamo che il film che proietteremo sarà “Una Nuova Amica” e non più “il piacere è tutto mio”, causa problemi tecnici ]

dom

Posted in General | Comments Off on 31/01 Cena di sostegno per le spese legali dello Spazio @ Sala da thè Fronte del Porto Fluviale