Sabato 27 giugno è ancora la notte di Stonewall! The First Pride Was A Riot! Passeggiata Notturna.

La notte tra il 27 e il 28 giugno 1969 un tacco, una bottiglia, un coro di urla ribelli si mossero nell’oscurità di New York e dello Stonewall Inn durante l’ennesima rappresaglia omofoba da parte della polizia.

STONEWALL

 

 

 

 

Oggi come allora vogliamo riprenderci le strade e urlare la nostra sete di resistenza e di esistenza libera, autodeterminata, ribelle.

The-riot.

Sabato 27 giugno ci vediamo alle 19,00 dalle Cagne Sciolte in via ostiense 137 per partire insieme per le strade di Roma!

Come sempre l’angolo del DraGgaggio è disponibile per dare libero sfogo alle vostre – e nostre – voglie di travestimento!

THE FIRST PRIDE WAS A RIOT! 

Queer still means RADICAL

 

Posted in General | Leave a comment

#20giugno: Non ci scusiamo per il masturbo!

Riceviamo e diffondiamo:

Oggi, 20 giugno, mentre piazza San Giovanni si riempie di esaltati catto-fascisti che pretendono di scegliere al nostro posto come dobbiamo vivere, e qual è la giusta morale, noi siamo andat* a far visita in alcune ‘Case del Signore’ (che di immobili ne possiede parecchi) a portare un po’ di colore e a ribadire che nonostante retrogradi e censori, preti e oppressori, noi facciamo come ci pare!

Abbiamo visitato anche  una chiesa a Torpignattara, nei dintorni della quale, qualche giorno fa, due ragazzi gay sono stati aggrediti mentre tornavano dal Pride.

NON CI SCUSIAMO PER IL MA-STURBO!

OMO-LESBO-TRANSFOBIA DALLE STRADE LA SPAZZEREMO VIA

LIBER* TUTT*

nonci

In principio fu il rosa e l’azzurro.

Alle femmine il rosa e ai maschi l’azzurro. Alle femmine i mestolini, le barbie e i bambolotti; ai maschi pistole, macchinine e attrezzi da meccanico. Per farl* crescere con il giusto posizionamento: le donne a ramazzare, fare i tortelli e i lavori di cura; gli uomini a dominare, comandare, decidere e portare i soldi a casa.

Poi abbiamo deciso che ci si può anche non sentire a proprio agio con il sesso biologico e il ruolo che ci è capitato.

E quindi lottiamo per la libertà di scegliere: chi essere, come essere, quale percorso intraprendere per inventare la propria favolosità.

Tutto questo si scontra con la cultura eteronormata e creazionista che ci vuole ben divis* per ruoli e mansioni:  azzurro e rosa,  macchinine e mestolini. Non può esistere un maschio che gioca con le bambole o una bambina che vuole essere una perfetta meccanica.meno

L’ultima invenzione per contrastare la libertà di scelta e l’autodeterminazione dei nostri corpi è la fantomatica “Ideologia del Gender”, secondo la quale Unione Europea e comunità lgbtiq si sarebbero coalizzate per “somministrare ormoni alle/i bimbi per farli diventare gay”.

Secondo le menti geniali dei movimenti anti-Gender (?!), stiamo complottando per far diventare tutt* froc*, bambin* compres*.

Che piano diabolico!

Allora. Partiamo dalle basi.

Voi credete che per il bene dell’umanità un tizio è stato crocifisso – con scarsi risultati per altro, vista la merda che ci circonda.

Noi crediamo nella libertà di scelta sul proprio corpo, quindi se ti fa godere un chiodo piantato sul palmo, fallo pure bellezza, ma fallo solo per il tuo piacere!

Voi credete ad una vergine, inseminata da dio e che ha avuto notizia della sua gravidanza da un arcangelo.20150619_111358-2

Noi crediamo nella sessualità libera e consapevole, nell’utilizzo dei contraccettivi femminili e maschili per contrastare le malattie sessualmente trasmissibili e le gravidanze non desiderate. E siamo per la libertà di scelta senza se e senza ma: aborto libero e gratuito!

Voi credete nel paradiso e nell’inferno.

Noi crediamo nella realtà di tutti i giorni, dove vogliamo essere liber* di amare, baciare, scopare ed essere chi vogliamo noi.

Voi volete costringere bambini e bambine a crescere in base al sesso biologico, opprimendoli solo tra due colori, il rosa e l’azzurro, e reprimendoli in due ruoli: quello del maschio dominante che porta i pantaloni in casa e quello della donna sottomessa alla famiglia e assoggettata ai lavori di cura.

Noi vogliamo che tutt* crescano liberi di essere ciò che vogliono, senza ruoli predeterminati, senza pregiudizi né stereotipi. Che nessuna omo-lesbo-transfobia venga legittimata e che il sessismo venga combattuto fin dalla più tenera età.

Insomma: voi vorreste dettare le regole e determinare chi siamo e cosa dovremmo volere.

Noi lottiamo per l’autodeterminazione dei corpi e dei desideri e per la libertà di scelta.

Posted in eventi, General | Comments Off

IL NOSTRO MANIFESTO UTOPICO!

stonewall-02

Siamo disposte a chiudere le nostre boccacce sconce e immorali e a comportarci in modo conforme alla normalità solo quando:

1) tutte le sentinelle in piedi verranno colpite, contemporaneamente, da una diarrea fulminante che li costringerà a stare sedut* sul cesso per l’eternità;

2) sarà possibile ad ognun* definire il proprio genere a prescindere dal sesso biologico e senza il bisogno di terapie ormonali e operazioni chirurgiche;

3) sarà possibile per ognun* modellare il proprio corpo e il proprio sesso biologico senza che uno psichiatra ci definisca malat*;

4) verrà introdotto nella lingua italiana il genere neutro – oltre il maschile e il femminile- e il femminile plurale o il neutro plurale sostituiranno il maschile plurale;

5) tutti i “maschi selvatici” verranno sostituiti da favolose froce glitterate e rabbiose;

6) ognun* sarà liber* di desiderare, amare, scopare, essere, volere e fare senza bisogno di alcun riconoscimento;

6) i laboratori sull‘eiaculazione femminile sostituiranno l’ora di religione a scuola;

7) ci saranno, ad ogni angolo, distributori gratuiti di assorbenti e coppette mestruali;

8) i preti, oltre alla castità, rispetteranno l’obbligo di regalare la pillola del giorno dopo e la pillola dei cinque giorni dopo;

9) l’8 per mille verrà destinato alla distribuzione di preservativi maschili e femminili;

10) non ci sarà più bisogno di centri antiviolenza;

11) ci svelerete chi ha ucciso Laura Palmer;

12) non ci sarà più un numero massimo per fare sesso;

13) l’aborto sarà libero e gratuito senza se e senza ma;

14) i commenti per strada non verranno fatti più alle donne ma alle guardie e ai digossini, che non ci saranno più;

15) manderemo il movimento per la vita ad asfaltare e finire la salerno-reggio calabria aggratis;

16) fino a quando la Tav non sarà abolita e il trasporto sarà solo pubblico, gratuito e a bassa velocità;

17) gelosia e possesso smetteranno di essere sinonimi di amore;

18) puttana non sarà più un insulto

19) ogni giorno sarà un pride e ogni pride sarà una Stonewall!!!

Tutto questo sarà possibile soltanto quando ci sarà l’abolizione delle frontiere, del patriarcato, delle carceri, dei cie, dello sfruttamento e di tutte le altre oppressioni!!!

In attesa di #Stonewall la sera del 27 giugno…

Posted in General | Comments Off

DOMENICA GIORNATA DI WORKSHOP SOVVERSIVO!

paroUltimo appuntamento dei workshop sovversivi!
DOMENICA 14 GIUGNO ore 17.30 Cagne Sciolte  in via Ostiense, 137,  si terrà il “Corso pratico di patologia vegetale.”
L’obiettivo del corso è quello di illustrare le principali patologie delle piante, le cause, i sintomi e i metodi di lotta.
In particolare il corso tratterà i seguenti argomenti:
-Carenze nutrizionali (cause e sintomi);
-Principali malattie funginee (sintomi e lotta);
-Principali insetti fitofagi (riconoscimento e lotta);
-Altre patologie (virus, batteri e fitoplasmi ecc.).

A SEGUIRE TRATTORIA!

 

Posted in General | Comments Off

Aspettando Stonewall _ Tutt* insieme attraversiamo il RomaPride 2015

The-riot.Ti stuzzica l’idea di andare al Pride di Roma ma non ti va di andarci da sol*? L’immensa fiumana di gente a P.zza della Repubblica ti disorienta? Andiamoci insieme!!! Partenza sabato 13 giugno h. 13 dalle Cagne Sciolte (Via Ostiense 137, metroB -Garbatella). Ci prendiamo un caffè, due chiacchiere e andiamo!

Posted in eventi, General | Comments Off

DOMENICA 7 GIUGNO GIORNATA DI SPORT POPOLARE ANTISESSISTA!!!

sport

In vista della tre giorni di sport popolare antisessista che si terrà a Torino a settembre (http://sportantisessista.noblogs.org/) abbiamo pensato di organizzare a Roma una giornata di sport all’aria aperta che includa varie discipline che molte/i di noi praticano nelle palestre popolari, nelle associazioni e negli spazi occupati (boxe, aerea, parkour, Qi-Gong, calcetto, pole dance e qualsiasi altro sport ti va di portare e condividere!).

L’obiettivo è quello di contaminare la città con attività sportive che siamo abituate/i a praticare negli spazi chiusi, partendo da Parco Schuster. Ma è soprattutto quello di provare a praticare insieme un modo diverso di fare sport rispetto a quello che ci insegnano in palestra o a scuola da quando siamo piccole/i, caratterizzato da una netta differenziazione tra sport per maschi e sport per femmine, dove l’inclusione passa necessariamente per l’abilità fisica e per corpi perfettamente adatti e conformi agli stereotipi della “salute” imposti. Dove se non sei giovane e atletica è meglio che ti siedi e ti dedichi ad altro. Dove se sei maschio e ti piace ballare sei frocio perché altrimenti giocheresti a calcio o faresti boxe; e se invece sei donna e non sei femminile anche mentre pratichi sport, per forza sei lesbica, e quando invece rappresenti un’alternativa ai generi imposti maschile/femminile in quanto trans o intersex, vieni esclusa/o dalla possibilità di gareggiare o partecipare a livello agonistico, perché non sanno dove metterti e ti impediscono di decidere per te cosa senti di essere.

Noi crediamo, invece, che qualsiasi disciplina sportiva debba essere aperta a tutti/e, a tutti i tipi di corpi, al di là delle differenze di genere, di età, e di abilità fisica. Lo sport dovrebbe abituarci al contatto col corpo degli altri, al rispetto e allo scambio di esperienze, sensazioni e punti di vista. Dovrebbe essere un modo per esprimere le potenzialità dei nostri corpi, per coltivare la nostra forza e la nostra energia, per esprimere la nostra sensualità e la voglia di sfidare i limiti che ci hanno invece insegnato ad accettare e rispettare, per entrare in relazione con altri corpi senza negare l’esperienza di scambio e condivisione che scaturisce dalla lotta e dal gioco.

Ci piacerebbe che questa giornata fosse la prima di tante e che permettesse a tutte e tutti di liberare le energie che questa città claustrofobica reprime, di far incontrare persone e discipline diverse. Che ci permettesse di interrogarci insieme su cosa voglia dire fare sport, cosa voglia dire farlo negli spazi occupati e cosa voglia dire farlo in un’ottica antisessista.

Per questo ci vediamo tutte/i alle 10 a Parco Schuster per provare varie discipline: se ne hai un’altra da proporre, vieni e buttati nella mischia!

A seguire pranzo tutt* insieme e chiacchierata collettiva per confrontarci sui temi che caratterizzano questa giornata: se hai voglia porta qualcosa da mangiare da condividere con le/gli altre/i…. possibilmente vegan!!

Dalle 16 workshop di pole dance e cena vegan dalle Cagne Sciolte.

Durante la serata djset delle Playgirls from Caracas!!!!

– ci incontriamo Giovedì 04/06 alle 17:00 alle Cagne Sciolte per continuare a costruire insieme la giornata di Domenica 7, se hai voglia di partecipare, vieni anche tu!

Posted in General | Comments Off

Giardinieri sovversivi (guerrilla gardening antisessista, antifascista, antirazzista di Roma)

17925_847159528705854_7605066428330539963_n

 

4 workshop con lezioni teoriche e pratiche per allenare il tuo pollice verde ed il tuo spirito sovversivo!!

DOMANI IL 1° APPUNTAMENTO: ARBORICOLTURA

Dalle Cagne Sciolte, Via ostiense 137 (metro B-Garbatella)

Posted in eventi, General | Comments Off

Giovedì 21 Maggio – Video Arms Idea

 

11137143_983108335047156_8124521916568299942_n

– Ore 19.30 -aperitivo vegan

– Ore 21.30 – proiezioni

– a seguire musica di lady Maru

ideadestroyingmuros è un collettivo transculturale che nasce a Venezia nel 2005 e che con la pratica artística ha reso possibile l’elaborazione di processi geopolitici e sociali che ci hanno attraversato interpretando e traducendo le loro pratiche individuali e collettive.
Presentano videoarmsidea un progetto audiovisuale che unisce le loro pratiche videografiche realizzate dal 2005 ad oggi. In italia da sempre il potere dell’industria cinematografica e televisiva è stato utilizzato come veicolo per interessi politici, in modo che il formato video gli è servito a contrastare le numerose rappresentazioni e immaginari imposti dai nostri contesti di origine. L’appropriazione di questo formato in tutti i suoi aspetti, serve per raccontare le nostre storie, a volte antagoniste, e dare la possibilità di condividere nuovi immaginari.
L’ultimo progetto è il Cabaret Borrador Battonz, ispirato al Manifesto S.C.U.M di Valerie Solanas.

https://vimeo.com/115870643

http://www.ideadestroyingmuros.info/videoarm

Cagne Sciolte – Via Ostiense 137 (metro B – Garbatella)

Posted in eventi, General | Comments Off

11maggio_16.30 Assemblea Pubblica IoDecido@Facoltà di Igiene_Sapienza

Io Decido sul mio corpo!Fuori gli obiettori dagli ospedali pubblici!!

io decido 11maggio

In tutti i paesi europei che più visibilmente stanno subendo gli effetti delle politiche di austerity, i tagli alla sanità fanno il paio con il controllo sempre più feroce sui corpi delle donne. In alcuni casi (soprattutto Italia e Spagna) è evidente l’influenza della cultura cattolica sulle scelte politiche dei governi.

In Italia esiste una legge frutto delle lotte delle donne e del movimento femminista che garantisce la possibilità di abortire liberamente e gratuitamente: la legge 194, che viene però quotidianamente resa inefficace dalla presenza enorme di medici obiettori, il 90% solo nel Lazio, e con percentuali in drammatico aumento.

A Roma abbiamo creato una rete cittadina aperta, allargata, che negliultimi due anni si è mobilitata nelle strade, nei territori, negli ospedali, e in molti altri luoghi simbolici e non, cercando di strappare piccole conquiste e spazi potenziali di lotta e rivendicazione comuni sul tema della salute, diritto universale per tutt*.

Un tema, questo, che abbiamo deciso di declinare in termini ampi ed estensivi: rifinanziamento di ospedali e consultori pubblici, possibilità di un aborto libero sicuro e garantito, lotta all’obiezione di coscienza, lotta alla violenza ostetrica, reale libertà di scelta tra aborto chirurgico e farmacologico (RU486), accessibilità alla pillola del giorno dopo h24, tutela della maternità consapevole, depatologizzazione della condizione transgender.

Ora non vogliamo fermarci qui! Pensiamo ci sia la necessità di continuare e ampliare questo percorso di lotta e rivendicazione.

Vogliamo ripartire dalla libertà di scelta, dalla capacità di decidere sui nostri corpi e sulla nostra sessualità!

Vogliamo essere libere di scegliere anche sulla maternità, attraverso un welfare che sostenga effettivamente student*, lavoratrici, precarie, disoccupate, migranti!

Vogliamo che la 194 sia una legge che ci tuteli realmente e vogliamo colpire tutti gli obiettori di coscienza.

Vogliamo che consultori e ospedali vengano rifinanziati e che sia garantito il supporto e l’assistenza a tutte le donne senza il vincolo della cittadinanza.

Vogliamo autodeterminarci, come donne, lesbiche, trans e queer!

◆ Per questo invitiamo tutt* lunedì 11 maggio nella facoltà di Igiene a La Sapienza (aula S1) per continuare questo percorso.

◆Ci vediamo alle 16.30 nella piazzetta dietro la Facoltà di Igiene a La Sapienza (davanti alla cappella) per iniziare con Obiettopoly un gioco per scoprire insieme tutti gli ostacoli che una donna deve affrontare per arrivare all’interruzione volontaria di gravidanza e come abbatterli.

◆E dalle ore 17.00, ci spostiamo tutt* nella facoltà di Igiene a La Sapienza (aula S1) per l’assemblea pubblica.

Vi aspettiamo!

Posted in eventi, General | Comments Off

NOEXPO PRIDE, LIBERE E AUTODETERMINATE – DAL 1 MAGGIO VERSO IL 20 GIUGNO E OLTRE

nkdSiamo una rete di femministe, froce e queer e costruiamo le nostre
esistenze autodeterminandoci e non accettando che qualcuno ci imponga
come comportarci, chi amare o cosa desiderare.

Viviamo in diverse città e abbiamo scelto di essere a Milano per le 5
giornate di mobilitazione Noexpo, perché quest’anno l’organizzazione
del Pride ufficiale ha accettato di essere cassa di risonanza per
l’Expo2015.

All’interno della grande May Day del 1 maggio, NoExpo Pride sarà un
punto di riferimento visibile per tutti i corpi eccedenti alla norma e
alla tradizione all’interno dello spezzone NoExpo in ogni città, ma non
solo. Si concentrerà sull’opposizione all’immaginario eteronormato che
Expo propaganda attraverso il progetto We-Women for Expo e il relativo
Padiglione.

Expo2015 non è solo speculazione, cemento, mafia, tangenti e
sfruttamento, come ormai è evidente a tutt*, ma è anche un modello di
propaganda: il tema dell’esposizione è “nutrire il pianeta”, quando
le multinazionali, le aziende e gli stessi paesi che parteciperanno sono
gli stessi che devastano, sfruttano e ricattano territori e popolazioni.

Per coprire tutte le atrocità che si commettono in nome del profitto,
Expo2015 ha bisogno di crearsi un “volto umano” e lo fa mettendo al
centro la donna, come naturale custode della casa e della tradizione
legata al cibo, altruista, disposta a curare l’altro e a condividere. La
richiesta di centralità e partecipazione delle donne viene
strumentalizzata per relegarci, ancora una volta, nei ruoli
culturalmente imposti: la famiglia, la cura, la maternità e l’ambito
domestico.

Inoltre, per espandere il target commerciale, Expo strumentalizza il
bisogno di riconoscimento di lesbiche, gay, trans e queer, proponendo un
mercato apposito, iniziative specifiche, locali e quartieri friendly.
Tutto questo però non coincide con la realtà che vive la maggioranza
dei soggetti lgbtiq, fatta di oppressione, violenza, marginalizzazione
ed esclusione dal mercato del lavoro.

Le lotte di genere non sono appannaggio di particolari categorie sociali
bensì percorrono trasversalmente tutte le battaglie per una vita
migliore che tante e tanti portano avanti quotidianamente. E’ per
questo che chiediamo a tutti gli spezzoni del corteo che attraverserà
Milano il 1 maggio di esporre un manifesto della rete NoExpo Pride,
come condivisione di questa battaglia e per rilanciare tutti insieme la
data del 20 giugno.

Dopo le assemblee a Milano e a Roma infatti, abbiamo deciso di costruire
il nostro pride, dove prenderci spazio con le nostre molte e differenti
identità: il NoExpo Pride! Quel giorno sarà una giornata di lotta
capace di coniugare conflitto, rivendicazioni forti e tutta la
favolosità di cui siamo portatrici e portatori, con la nostra semplice
esistenza. Per conquistare nuovamente in maniera forte e condivisa il
nostro diritto alla scelta.

Per dare continuità al percorso della rete ben oltre il Primo Maggio
e durante i 6 mesi di durata dell’esposizione, per dare concretezza
ai nostri desideri e ai nostri progetti, per prenderci gli spazi che ci
spettano di diritto nelle città e per le strade, convochiamo un
appuntamento nazionale a cui possano partecipare collettivi, realtà,
associazioni, singole che con noi vogliono ragionare su immaginari
diversi da quelli in cui ci costringono a stare e su nuove
mobilitazioni, GIOVEDI’ 30 APRILE DALLE 18 NEL CAMPEGGIO NOEXPO, al
parco di Trenno, Milano.

Vogliamo una città frocia, non una vetrina gay per Expo e per questo il
20 giugno invaderemo le strade di Milano!

Non ci lasceremo rinchiudere in casa, perché è lì che avvengono la
maggior parte delle violenze nei nostri confronti, per mano di padri,
mariti, compagni ed ex.

Ci riprenderemo le strade, perché la nostra libertà non è data da
telecamere e poliziotti, ma dalla solidarietà e dalla relazioni che
costruiamo ogni giorno.

I NOSTRI DESIDERI SONO INGOVERNABILI, LA NOSTRA LIBERTÀ NON È IN
VENDITA!!!

Di seguito gli appuntamenti delle prossime settimane, in vista del
NoExpo Pride e i contatti:

*

MILANO_Giovedì 30 aprile ore 18,00 al campeggio NoExpo nel Parco di
Trenno: Tavolo di discussione e costruzione del NoExpo Pride
*

MILANO_Venerdì 1 maggio ore 14 P.za XXIV Maggio: MAYDAY NO EXPO
*

IN TUTTE LE CITTÀ_Domenica 17 maggio: organizza la giornata di
lancio del NoExpo Pride nella tua città!
*

MILANO_Sabato 20 giugno: NoExpo Pride

RETE DI FEMMINISTE, FROCE E QUEER CONTRO EXPO2015

BLOG: NOEXPOPRIDE.NOBLOGS.ORG

FB: NOEXPO PRIDE

 

Posted in General | Comments Off