Diario di una queerantena

Diario di una QUEERantena!

English, français, español translations below.

Come femministe e transfemministe la dimensione domestica è stato uno dei primi elementi di oppressione che abbiamo messo in discussione, imparando a riprenderci le strade e a viverle tutte e tuttu insieme, perchè sappiamo bene che le strade libere le fanno le donne e le soggettività lbtqi+ che le attraversano.

Come tutt*, ci ritroviamo oggi chiuse e chiusu in casa e dalle finestre vediamo e sentiamo la militarizzazione delle nostre città, risentiamo della distanza che abbiamo dovuto imporci le une dalle altre e della freddezza con cui i mezzi digitali ci tengono in contatto.

Allo stesso tempo, non possiamo non pensare e stringerci in un abbraccio (ahinoi virtuale) con chi oggi vive questa quarantena con l’incertezza di non avere una casa o di aver perso anche quello straccio di lavoro che aveva prima; con chi non può sentirsi sicura in casa propria nessun giorno dell’anno, perchè vive con una persona violenta, ma in questo periodo ancor di più vede allontanarsi la possibilità di immaginare la sua vita fuori da quelle quattro mura; con chi è privat* della propria libertà ed è rinchius* in celle sovraffollate o nei centri di detenzione per migranti, senza nessuna possibilità di tutelare la propria salute e avere contatti con i propri cari all’esterno; con chi è costrettx ad andare a lavorare mettendo a rischio le persone con le quali convive e se stessx.

Abbiamo il desiderio di trovare insieme nuove pratiche femministe e transfemministe di resistenza in questo momento, fortificare la rete affinchè nessuna e nessunu possa sentirsi sola/u.

Contro il virus della paura, della militarizzazione e della solitudine, costruiamo insieme focolai domestici di resistenza, una stanza tutta per noi, un diario femminista e transfemminista di una queerantena…invitiamo tutte e tuttu a postare foto, immagini, video, testi, lettere, canzoni, disegni, performance, qualsiasi cosa che possa farci sentire più vicine/u. Condividere, stringersi, resistere. Sorella non sei sola!!!

Come funziona: 

1) chi vuole può mandarci i suoi contenuti alla mail cagnesciolte@bastardi.net e quello che ci manda verrà pubblicato anonimamente SOLO sul blog;

2) per chi ha fb e vuole usarlo esiste la pagina facebook Diario Femminista e Transfemminista di una Queerantena, collegata a quella delle cagne, dove la gente posta direttamente i suoi contenuti;

3) TW e IG delle cagne verranno usati solo per pubblicizzare l’iniziativa del diario e non per inviare contenuti.

—————

QUEERantine’s Diary!

As feminists and transfeminists, the domestic dimension has been one of the first elements of oppression that we have questioned, learning to take back the streets, live them all and all together, because we know well that women and lgbtqi + subjectivities are the ones who make free roads cross.

Like everyone else, today we find ourselves shut down, closed in our homes and from the windows of our home we see and we feel our cities being militarized.
We feel the distance between eachother we’ve been imposed of as well as the  coldness that digital communication keeps us in contact.

At the same time, we cannot  forget to think and embrace (virtual ahinoi) with those who today live this quarantine with the uncertainty of not having a home, or the ones that have lost a scrap of work; with those who at any time of the year cannot feel safe in their own home because they live with a violent person, those same people who now more then ever see far away the possibility of imagining their life outside those four walls ; with those who are deprived of their freedom and locked up in overcrowded cells or in detention centers for migrants, without any possibility of protecting their health and having contact with loved ones.

We have the desire to find together new feminist and transfeminist resistance practices, ways to strengthen the network so that no one can feel alone.

Against the virus of fear, of militarization and of loneliness, we build together domestic breeding grounds of resistance, a room all to ourselves, a feminist and transfeminist diary of a QUEERantine … 
We invite everyone to post pictures, images, videos, texts, letters, songs, drawings, performances, anything that can make us feel closer. Share, Stand by, Resist. Sister you are not alone !!!

How to Take part:

Feel free to send through your content at cagnesciolte@bastardi.net. You will be offered to be anonymously posted on our blog;
If you use Facebook you can also visit and directly post yourself on Diario Femminista e Transfemminista di una Queerantena page you can find on Cagne Sciolte’s FB.

————————

Le journal d’une QUEERantaine

En tant que féministes et transféministes, la dimension domestique a été l’une des premières éléments d’oppression que nous avons interrogés, apprenant à reprendre les rues et à les vivre tous ensemble, car nous savons bien que c’est les femmes et les subjectivités lgbtqi + à faire des routes libres. ***

Comme tout le monde, nous nous retrouvons fermés et enfermés aujourd’hui dans la maison, depuis les fenêtres nous voyons et ressentons la militarisation de nos villes, nous ressentons la distance que nous avons dû nous imposer ainsi que la froideur avec laquelle les communication numériques nous gardent en contact.

Au même temps, nous ne pouvons nous empêcher de penser et d’embrasser (ahinoi virtuel) ceux qui vivent aujourd’hui cette quarantaine avec l’incertitude de ne pas avoir de maison ou d’avoir perdu un travail miserable ***qu’ils avaient auparavant; avec ceux qui ne se sentent pas en sécurité chez eux à n’importe quel moment de l’année, car ils vivent avec une personne violente, ceux mème gens que dans ce période ils voient encore plus loin la possibilité d’imaginer leur vie en dehors de ces quatre murs; avec ceux qui sont privés de la liberté et sont enfermés dans des cellules surpeuplées ou dans des centres de rétention pour migrants, sans aucune possibilité de protéger leur santé et d’avoir des contacts avec leurs proches; avec qui est obligé d’aller travailler mettant en danger les personnes avec qui il vit ainsi que soit même.

Nous avons le désir de trouver ensemble de nouvelles pratiques de résistance féministes et transféministes en ce moment, pour renforcer le réseau afin que personne ne se sentent seul.

Contre le virus de la peur, de la militarisation et de la solitude, nous construisons ensemble des foyers de résistance domestique, une chambre pour nous seuls, un journal féministe et transféministe d’une QUEERrantaine … nous invitons tout le monde à poster des photos, des images, des vidéos, des textes, des lettres, des chansons, des dessins, des performances, tout ce qui peut nous faire sentir plus proche. 
Partager, se tenir fort, résister. Sœur tu n’es pas seule !!!

Comment participer:

-Envoyez votre contenu à cagnesciolte@bastardi.net. Il vous sera proposé d’être publié anonymement sur notre blog;

-Pour ceux qui ont de FB, N’hésitez pas à visiter et à vous poster directement sur la page Diario Femminista e Transfemminista di una Queerantena que vous pouvez trouver sur le FB de -Cagne Sciolte-.

 

———————-
El Diario de una QUEERrantena

Como feministas y transfeministas, la dimensión doméstica fue uno de los primeros elementos de opresión que cuestionamos, aprendiendo a recojer las calles y vivirlas todxs juntxs, porque sabemos bien que las mujeres y las subjetividades lgbtqi + hacen los caminos libres en el cruzar los.

Como todxs los demás, hoy nos encontramos cerrados y cerrados en la casa, desde las ventanas vemos y sentimos la militarización de nuestras ciudades, sentimos la distancia que tuvimos que imponernos y la frialdad con la que la comunicación digitale nos mantienen en contacto.

Al mismo tiempo, no podemos evitar pensar y abrazar (ahinoi, virtual) con aquellxs que hoy viven esta cuarentena con la incertidumbre de no tener un hogar o de haber perdido ese cuero de trabajo que tenían antes; con aquellxs que no pueden sentirse seguros en su propia casa en cualquier día del año, porque viven con una persona violenta, pero en este período ven aún más la posibilidad de imaginar tan lejana su vida fuera de esas cuatro paredes; con aquellxs que están privados de su libertad y encerrados en carcels superpobladas o en centros de detención para migrantes, sin ninguna posibilidad de proteger su salud y tener contactos con sus queridxs; con quien se ve obligado a irse a trabajar poniendo en riesgo a las personas con las que vive y si mismo.

Juntxs en este momento tenemos el deseo de encontrar nuevas prácticas de resistencia feminista y transfeminista, para fortalecer la red para que nadie pueda sentirse solx.

Contra el virus del miedo, de la militarización y de la soledad, construimos juntxs focos de resistencia domésticos, una habitación para nosotrxs mismxs, un diario feminista y transfeminista de una QUEERrantena … invitamos a todxs a publicar fotos, imágenes, videos, textos, letras, canciones, dibujos, representaciones, cualquier cosa que nos haga sentir más cerca. Compartir, reforzar, resistir. Hermana no estas sola !!!

Como funciona:

– puedes enviar tus contenidos a nuestro e-mail: cagnesciolte@bastardi.net. Lo que enviarás será publicado exclusivamente en nuestro blog;

– si tienes FB, puedes publicar directamente en la página FB Diario Femminista e Transfemminista di una Queerantena que está conectada a la de las Cagne Sciolte.

 

———————————-sabato 28 marzo 2020—————————————-

“Cagna maledetta” che neanche la quarantena può fermare 

 

—————————————–Domenica 29 marzo 2020——————————

28/03/2020

Giovedì ho avuto un attacco di panico, il primo nella mia vita, o comunque il primo che riconosco tale.
Era pomeriggio, ho sentito dei crampi allo stomaco, sono andata in bagno e ho fatto la diarrea,al che ho deciso di farmi un thè caldo al limone.
Mentre preparavo il thè ho starnutito e subito dopo mi è iniziato l’attacco di panico.
Ho cominciato ad avere l’affanno e il respiro corto, mi mancava l’aria e facevo degli enormi respiri per riempire tutti i polmoni, la teina ovviamente ha aumentato l’ansia.
Nel giro di 3 o 4 minuti pensieri velocissimi, in blocco, spietati come pochi, mi avevano convinta che avevo il corona virus: ero sicura di averlo preso, e costatavo come i miei polmoni non stavano reggendo.

L’affanno aumentava. Mi sono seduta, ero in preda a un panico esasperato.
Ho iniziato a cercare su Internet: diarrea e corona virus, sintomi del corona virus, gastroenterite e corona virus, apparivano sempre i soliti articoli sui sintimi del COVID,
l’80% dei pazienti presenta tosse, maldigola e febbre , c’è un 4% dei pazienti che sviluppa diarrea e problemi gastrointestinali.
Il 4%.. era possibile che fossi stata così sfortunata?
Continuavo a respirare male, “qui sto morendo” ho pensato , ma come era possibile?
“sono settimane che sto chiusa in casa ” , “come l’ho preso?”,
ho iniziato a ripercorrere tutte le spese che avevo fatto al supermercato, tutte le passeggiate nel quartiere, tutti
gli incontri nel palazzo. “Era impossibile che mi ero contagiata”.

Vado di nuovo al bagno, di nuovo diarrea. Sono disperata. “A me quando gira l’influenza mi prende sempre allo stomaco” penso, è una cosa che so da sempre,che è di famiglia, anche mio fratello è così, l’influenza per noi è quasi sempre influenza intestinale.
“Faccio parte di quel 4% allora?”,
Ho iniziato di nuovo a cercare “Corona virus, mortalità donne”, “Covid età decessi donne” ,”numero di donne morte di Corona Virus”, “numero di donne morte di Corona Virus nel Lazio”,”distribuzione decessi Covid per età”.

Poi la situazione è precipitata, ero stanchissima, mi era salita la nausea, non avevo voglia di fare niente. Mi sono messa sul letto, occhi sbarrati, termometro sul comodino: 36,3,
un quarto d’ora dopo 36,4 “stava salendo…”, mi sudavano le mani,avevo freddo.
Ho cominciato a pensare a che cosa avrei dovuto fare, chi chiamare e quando.Ho cominciato a pensare a tutte quelle immagini che da settimane arrivano dagli ospedali.”Non voglio finire lì, non voglio finire lì” pensavo. Misuro di nuovo la febbre sempre 36,4.

Poi finalmente, dopo quasi 50 minuti… la luce…finalmente la luce ..”ma non è che ho un attacco di panico?”
“Un attacco di panico…” Sto pensiero è arrivato quasi in sordina, non so come dire, si è tipo insinuato nel
marasma dei pensieri negativi che mi stavano ammazzando, è arrivato a salvarmi, come qualcuno che ti tende la mano mentre tu stai annegando.
Si…Era un ‘attacco di panico,Era un attacco di panico… i miei polmoni funzionavano benissimo.
Era un attacco di panico… io ero sana, ero in salute! Non mi sembrava vero.
Il respiro dopo un pò è tornato normale.

Avevo fame, mi sono alzata dal letto e ho mangiato.

Quella notte comunque non ho dormito bene, quell’ansia c’ha messo parecchie ore ad andarsene definitivamente.
La mattina dopo, ho tipo fatto un giuramento, forse anche questo il primo della mia vita:
“giuro su mio padre che mai più permetterò al mio corpo di farsi influenzare dagli eventi esterni”.
Mi sono detta più volte che non mi succederà mai più una cosa del genere,ho preso un quaderno e ho appuntato alcune cose da fare:
“se dovesse tornare, alle prime avvisaglie ( respiro corto,
pensieri negativi ecc) :
1) preparare una camomilla
2) cercare mezzi di distrazioni: es mettersi a lavorare al computer, seguire lezione di ginnastica su youtube, cucinare”

XXXXXXXXXXXX

Pulizie di primavera 

XXXXXXXXXXXX

Buoongiornoo oggi mi sono svegliata propositiva, ho pensato di fare una coreografia, per muoverci un po’ considerato che ormai sono un tutt’uno con il letto😂 ovviamente ognun* può farlo con i propri tempi e fare i passi che meglio crede 💗
Un baacio 🌻

https://vimeo.com/401863138

XXXXXXXXXXXX

Ciao a tuttu!

Oggi abbiamo fatto la prima lezione di ‘video cucina’ e abbiamo preparato le orecchiette fatte a mano con il pomodoro.
Qui vi allego la ricetta:
ingredienti per 2 persone:
impasto:

-400gr farina di semola di grano duro
-200ml acqua tiepida da versare poco a poco (la quantità dipende dalla durezza della farina)
-1 cucchiaino sale
-1 cucchiaio olio evo

condimento:

-1kg datterini
-1 mazzetto rughetta
-1 spicchio d’aglio o 2 cipolline fresche
-basilico q.b.
-1 cucchiaino zucchero
-1 limone per la scorza

Ci stiamo organizzando per fare un altra ricetta domenica 5/4
Per chi è interessatu a partecipare,scriva nei commenti sotto al post e riceverà istruzioni per la mistery box 🔥

#demiqueerantenalatuya
#nonseisola
#fuochisempreaccesi

————————————Lunedì 30 marzo 2020———————————-

Ciao! molte delle nostre riunioni si stanno spostando online (anche se non sempre ne abbiamo le energie..), qui tre risorse per facilitarle e renderle un po’ meno insopportabili (due in spagnolo e una in italiano)

Vi abbraccio forte 🌺

  1. Asamblearismo en tiempos de pandemia(1) “Asamblearismo en tiempos de pandemia. Un manuál para la ciberparticipación bollera”
  2. https://altekio.es/reuniones-online-satisfactorias/
  3. https://medium.com/chayn-italia/come-fare-videochiamate-in-modo-semplice-e-affidabile-291fd307b660

XXXXXXXXXXX

XXXXXXXXXXXX

Nemmeno in pandemia mi esce del patriottismo 😜

XXXXXXXXXXXXXXX

Ciao a tutt*,
avevo preso questo libro a novembre.
In questo periodo ho deciso di continuare la lettura e anche metterlo in pratica 
Amo gli astri e la natura, ho praticato yoga fino all’anno scorso, anche se comunque ultimamente mi sarei iscritta a muay thai  cosa che farò non appena il delirio pandemia sarà finito!
Ve lo consiglio perché sollecita delle riflessioni interiori interessanti.
Ci sono anche dei riti.
Ci si può credere o meno, io stessa non l’ho ancora sperimentato quindi non posso dire…
Ma penso che relativizzare possa essere utile e confortevole in questo momento più che mai.

 

 

 

 

 

 

———————————–Martedì 31 marzo 2020———————————–

Mascherine scarseggiano?
Pubblicità progresso …. 😏

Incollate anche * vostr*! Vi va?

XXXXXXXXXXXXXX

“Abbiamo scelto di darci un nome collettivo Emera, la dea del giorno, del presente da cui deriva anche la parola efemeris, quotidiano. E soprattutto è femmina, come noi.”
Questo è il nuovo progetto di una amica giornalista Ceci Chedaverodavero insieme a una sua collega hanno iniziato per un’ informazione seria chiara e tutte le altre cose che poco ci sono nel giornalistico emotivo coi titoli sballati in cui entriamo in contatto tutti i giorni….ma sopratutto è un progetto di compagne, di donne in una narrazione che sempre di più è paternalistica, dall’alto, al maschile, patriarcale e machista… in tante iniziamo a ragionarci e proviamo a discuterne… grazie davvero vi spammiamo e vi seguiamo!!!!

https://coviditalianews.org/

 

XXXXXXXXXXXX

Un diario è un modo per parlare di te, di cosa fai, come stai e cosa pensi… è una pratica che si usa sempre meno, ma che per le femministe e transfemministe è il pane quotidiano!!!
Chissà che magari la quarantena non aiuti anche altr* ad entrare in contatto con sé stess* e a partire da sé 😉
Per questa ragione, pubblicheremo solo contributi originali elaborati in prima persona, sia individuali che collettivi!! Questo gruppo non è stato pensato come luogo dove spammare comunicati, ci sono altri canali per questo come la pagina delle cagne e possono essere utilizzati quelli 😊

XXXXXXXXXXX

Ciao amiche,

che bello avere un posto concluso dove scrivervi. Mi fa uno strano effetto questo inconscio digitale, in questa slacciatura di corpi e questo luogo cyborg, in cui siamo, che avete costruito, mi sembra un ventre caldo, rispetto alla paura che ho di tutta la mia estensività, in tutti luoghi.

Mi spiego meglio: la mia quaresima è iniziata a Ottobre, quando finalmente sono andata da un dottore, dopo anni di fatica e rabbia e attacchi di panico ed esaurimenti nervosi, mi sono degnata di destituire il mio corpo politico per un parere e ho scoperto d’avere un brutto morbo tiroideo, una malattia autoimmune che mi ha toccato tutta, mi ha fatto impazzire per davvero, sono dovuta ricorrere all’allopatia perchè ero nel terrore, perchè volevo finirla con la vita, se doveva essere questa sequela di panico e non saper uscire mai dalla mia testa e paranoie per ogni interazione con le altre, con il mondo.

Mi hanno proibito di fare il mio lavoro non lavoro, la cantante, la performer, perchè al momento (ma va sempre meglio) sono un caso ad alto rischio cardiaco, insomma rischio di schiattarci, sul palco. E più di un paio di volte è quasi successo.

Dunque mi sono fermata e non è andata sempre meglio, ho avuto dei giorni di schianto, di depre, di tirannia e violenza, tutti i giorni senza un soldo, giorni precari, giorni incazzati con il mondo infame. Un amore nuovo si è barricato con me, nella mia microcasa e per mesi sono stata attaccata con le unghie al suo corpo solido, dolcissimo, l’unico corpo che ho incontrato, da quando sono una malata mentale diagnosticata dai medici bianchi dottori maledetti, che sia davvero antipsichiatrico. Un amore che mi ha ascoltato senza voler andare oltre il mio male, aiutandomi a compattare quello che sono con quello che mi fa succedere la malattia.

Per dirla con Preciado, vivo il mio corpo tossico, che non poteva più toccare il pensiero di nessun altro, ma è nel confronto e nella cura, che piano piano ne sto uscendo.

Viva il transfemminismo, sempre.

I primi giorni in cui sono tornata me stessa, sempre a tentoni, sempre timidamente spogliarmi di ormoni, in cui ho avuto le forze per una passeggiata, una birra, hanno indetto la quarantena e che disdetta, ma invece no, invece io ne ho giovato tantissimo. Vi siete tuttu fermati, dopo che mi ero fermata, da mesi, io sola e mi sembrava di impazzire e recalcitravo e avevo paura di starmi perdendo tutta me stessa e tutte le amiche e tutte le cose pazzesche, del mondo. Tuttu fermu. E sto rifiorendo, che i malanni sono il produttivismo, il vortice delle idee e delle persone, la distopia capitalista.

Una malattia che mi fa sentire disperatamente, la mancanza degli alberi, la forza del sole, la cupezza della luna, una malattia che mi fa sentire il male della pelle lessa delle mani dei migranti in acqua, del mal di pancia della violenza domestica e virale, una malattia che mi fa mancare il fiato con chi è in apnea, con chi sta morendo strozzato, con chi affoga.

Allora è questa la malattia? Sapere con le mani e gli organi del dolore delle altre?

Il mio corpo è sano, allora, reagisce soltanto alla paura che c’è, pervasiva e continua, nelle vite che siamo costrette ad agire?

Vi abbraccio tutte, chè le distanze sono brevi, quando sono fatte di pensieri.

Con amore, G.

XXXXXXXXXX

Venntiduesimo giorno di quarantena.

In questi giorni ho avuto molto tempo per stare con me stessa. Ogni giorno leggo notizie di donne uccise, oggi il culmine me lo ha fatto raggiungere una notizia proveniente da Agrigento, la mia città. Una ragazza è stata strangolata dal fidanzato…

La rabbia e la frustrazione che sto provando in questo periodo è inimmaginabile… volevo chiedervi, voi come combattete la frustrazione?

Vi voglio bene e spero stiate bene tutt* 🌺

XXXXXXXXXXX

Ciao sorelle
La mia isolation è all’ ottavo giorno e rispetto ad altru che la stanno affrontando da molto più tempo mi fa sentire un po’ fuori luogo .
Ho avuto un crollo i primi 4 giorni attacchi di panico non riuscivo a dormire e mi mancava il respiro, tremavo come una fogliolina e mi ha salvato non so come lo ha capito santa benedetta sorella che mi ha video chiamata subito, mi ha fatta parlare è rimasta per tutta la chiamata ad ascoltarmi mentre le riversavo tutto lo stress che avevo subito per un mese sul lavoro e l’isolamento non potendoci più ritrovare fra di noi, mi mancavano tutte. Avevo paura di trasmettere la mia ansia ad altre così ho accumulato tutto rinchiudendomi in me stessa e non riuscivo a gestire la mia ansia.
Maia mi ha preso in uno di quei momenti dove tocchi il fondo e non sai come risalire.
La sorellanza mi ha salvato dai miei demoni e fragilità non sempre si riesce da sol@.
Questo è quello che sto imparando passo passo da questo periodo capire che se cadi c’è un altra che ti tende la mano.
Abbiate cura di voi e di chi vi sta vicino.
Un abbraccio virtuale
Maddy

—————————————-Mercoledì 1 aprile——————————————

Qualunque sia il mostro che state affrontando in questa solitudine abbiate sempre in mente Itaca, raggiungerla sia il pensiero costante.

Rileggere C. Kavafis Itaca

 

XXXXXXXXXXXX

Ciao tuttu e tutte,
dall’ultraspazio del confino ci giunge questo messaggio in bottiglia, la vodka evidentemente se la sono già bevuta scrivendolo.

manifesto_post_relazionale

XXXXXXXXXXXXX

PESCE D’APRILE 🐟

Care amicizie,
oggi 1 Aprile 2020 io e la mia compagna abbiamo ricevuto un bel pesce d’Aprile che andrò a raccontarvi con dovizia di particolari partendo dall’inizio di tutta questa lunga e travagliata storia che parte da Madrid, quindi mettetevi comod* e prendete i Pop Corn😊

Più di un anno e mezzo fa io e lei ci siamo trasferite a Madrid in cerca di una vita migliore.
Nonostante l’esperienza sia stata molto positiva sotto molti aspetti non siamo riuscite in questo tempo a trovare nessun tipo di stabilità e lavorando entrambe nel mondo dello spettacolo, di fatto abbiamo continuato a lavorare in italia facendo avanti e indietro da Madrid.
Così aprofittando di alcuni ingaggi di lavoro che avevamo entrambe nel mese di Marzo qui in Italia, con un tempismo che ha dell’incredibile, abbiamo lasciato Madrid il giorno 4 Marzo e siamo partite con tutte le nostre valigie alla volta di Roma.
Si da il caso che questi ingaggi fossero in Emilia, tra Parma e Bologna dove avevamo preso in affitto un appartamento per tutto il periodo lavorativo.
Il giorno 5 Marzo io parto alla volta di Bologna, la mia compagna ha la febbre: Ansia!
Tutto precipita, il lavoro viene disdetto,arrivano i primi decreti, il giorno 6 rientro a Roma, chiudono le città, iniziano le zone Rosse inizia lo sgomento, lei ha ancora la febbre, noi e le valigie siamo parcheggiate a casa di sua madre.
Non abbiamo una stanza dove dormire unite e conseguenti problemi di privacy.
Superiamo i nostri conflitti etici e compriamo un materasso gonfiabile su Amazonmerda😱
Dopo qualche giorno la febbre passa ma restano sintomi sospetti, io ho la tosse secca, il panico aumenta, lottiamo contro l’ipocondria e con senso di responsabilita echiamiamo il numero verde che ci mette in 40ena preventiva perché veniamo da zone Rosse e viviamo a casa di un’anziana! Panico! Ma dove andiamo?
Un’amica bloccata in Africa si impietosisce e ci presta casa per la 40ena preventiva. Daje!
Nel frattempo altre 2 amiche bloccate fuori Roma si impietosiscono e ci offrono casa fintanto che non cambiano i decreti. La casa é bella e ha un giardino, le chiavi le ha un’altra amica che vive a Roma. Un sogno😍
L’amica in questione invece è bloccata in Umbria, noi non ci perdiamo d’animo e paghiamo un corriere per avere le chiavi.
Lei non può stampare il documento di trasporto e il primo ritiro non viene effettuato, poi si adopera e trova il modo di stampare ma il secondo ritiro lei va a pisciare, non sente il campanello e trova l’avviso😞
Al terzo tentativo la cosa va in porto e ieri pomeriggio arriva il pacchetto con le chiavi: Daje!🎊🎉🎈🎶🎤🎺🎷🎹
Stamattina ci svegliamo di buona lena e prepariamo tutto il necessario: traslochiamo strumenti,libri, colori per dipingere, provviste alimentari, la vita ci sorride, durante una pandemia noi abbiamo la fortuna di avere una casa col giardino, noi siamo fortunate, noi siamo felici, finalmente potremo fare quello che ci pare e quando ci pare …anche scopare😍 🎊🎉🎈🎡🎺🎶
Con la macchina carica ci trasferiamo da Roma Nord a Roma Est!
Amore hai preso le chiavi? Si! Il pacchetto è intonso tra le nostre mani
Passiamo svariati posti di blocco e siccome controllavano altri per fortuna non ci fermano! Daje
Arriviamo davanti la casa apriamo il pacchetto e dentro c’è un mazzo di chiavi dove la chiave più importante, quella della porta di casa è spezzata in 2….
Sipario!

——————————————Giovedì 2 aprile——————————————-

Un piccolo assaggio della primavera che non possiamo vivere ma che si riprende la città.
Un abbraccio a tutti* 🌻

 

XXXXXXXXXXX

Buongiorno a tuttx!
Ho iniziato la quarantena solo una decina di giorni fa. Ero partita da un mese e mezzo per un viaggio che doveva durare tra i 2 e i 3 anni, uno di quei viaggi per i quali non si programmano molte cose ma si spera di poter ricavare qualcosa di buono, connettersi con se stesse, capire quali desideri e passioni ci spingono a fare e a essere, creare ponti con le realtà di altre terre, conoscere altre vite e movimenti.
Sono partita da una condizione di privilegio, economico e sociale, la stessa che mi ha permesso di tornare appena la situazione è iniziata a precipitare. Rimanere in Colombia non mi sembrava la cosa da fare…mi ha colto un senso di responsabilità verso i miei genitori, la mia famiglia spezzettata, e la mia famiglia scelta, compagnx, amichx e le mille zie con cui cresci nella tua città. Rimanere là avrebbe anche voluto dire, nel caso di contagio, farsi curare da un sistema sanitario a pezzi, privatizzato, per il quale molte persone non hanno copertura (ho conosciuto una compagna che è ora a casa con la febbre a Bogotà da settimane ma non può andare in ospedale perché non la visiterebbero), e io, con la mia assicurazione di viaggio sarei stata invece seguita sovraccaricando un sistema che non esiste per chi ci abita.
Sono in quarantena totale (aspettando la fine delle due settimane): e chi si lamenta, sto in una casa bellissima di un’amica di mamma, sola, bella, luminosa, spaziosa, leggo, ascolto musica, scrivo, guardo film, cucino e mangio.
Poi una mattina mi ha colto un momento di confusione assoluta: ma mo che faccio dopo? le grandi decisioni che dovevano prendersi spazio tra due anni, mi si ripresentano ora, ci risiamo…dopo uno sconforto e ansia durato 2 giorni, ho ripreso le idee e le ho riordinate un po’, riazzerando un po’ tutto e ripartendo dalle cose semplici che ho scoperto piacermi molto in viaggio…fotografare le persone e scrivere le loro storie.
Un po’ di ricerche per il lavoro: la terza fascia, il concorsone…per ora progetti al vento.

In questo momento mi sento molto privilegiata e molto impotente, proverò a rendermi utile: quando torno dai miei, tra 3 giorni, contatterò i vicini del palazzo e vedrò che posso fare, la spesa, una chiacchiera, un abbraccio, dei racconti, stampare libri e articoli dal web per i più anziani…per il resto, ancora non ho fatto assemblee in videochiamata. Ero partita prendendomi una pausa anche da quello e ora l’idea mi angoscia un po’, ma il senso collettivo di cavare qualcosa di buono da questa situazione mi punge ogni giorno. Per ora non me la sento, e allora riparto da interviste e scritti transfemministi che non ho mai letto, pigrizia e ignoranza mia.
E stamattina ho letto varie poesie di Audre Lorde e ho pianto…eh! Vabbè ve ne condivido una che ho inviato stamattina a un’amica luchadora in Sud Africa per il suo compleanno!
(la metto nei commenti)

Un abbraccio a tuttx, buona giornata…e GRAZIE ! 

LITANIA PER LA SOPRAVVIVENZA

Per quelle di noi che vivono sul margine
Ritte sull’orlo costante della decisione
Cruciali e sole
Per quelle di noi che non possono lasciarsi andare
Al sogno passeggero della scelta
Che amano sulle soglie mentre vanno e vengono
Nelle ore fra un’alba e l’altra
Guardando dentro e fuori
E prima o poi allo stesso tempo
Cercando un adesso che dia vita
A futuri
Come pane nelle bocche dei nostri figli
Perché i loro sogni non riflettano
La fine dei nostri

Per quelle di noi
Che sono state marchiate dalla paura
Come una ruga leggera al centro delle nostre fronti
Imparando ad aver paura con il latte di nostra madre
Perché con questa arma
Questa illusione di poter essere al sicuro
Quelli dai piedi pesanti speravano di zittirci
Per noi tutte
Questo istante e questo trionfo
Non era previsto che noi sopravvivessimo

E quando il sole sorge abbiamo paura
Che forse non resterà
Quando il sole tramonta abbiamo paura
Che forse non si alzerà domattina
Quando abbiamo la pancia piena abbiamo paura
Dell’indigestione
Quando abbiamo la pancia vuota abbiamo paura
Di non poter mai più mangiare
Quando siamo amate abbiamo paura
Che l’amore svanirà
Quando siamo sole abbiamo paura
Che l’amore non tornerà
E quando parliamo abbiamo paura
Che le nostre parole non verranno udite
O ben accolte
Ma quando stiamo zitte
Anche allora abbiamo paura

Perciò è meglio parlare
Ricordando
Che non era previsto che noi sopravvivessimo

(Audre Lorde, 1978,
trad. Margherita Giacobino)

XXXXXXXXXXX

Ciao Compa, tra ieri sera e oggi penso più intensamente che mai a mia sorella che vive poco fuori New York ed è al suo ultimo mese di prima gravidanza.

Oltre alla tensione generale che cresce sempre di più rispetto ad un sistema sanitario privatizzato che vede già molte vittime ed ingiustizia, per chi è incinta tocca aspettare fino all’ultimo per sapere se il compagno la potrà accompagnare ed essere lì con lei durante il parto..

Da primo genita di una grande Femminista, figlia di un rapporto aggrovigliato e complesso con la figura materna, ha sempre avuto un enorme rifiuto, non dandosi mai la possibilità di capire cosa significa esserlo, cosa significa viverlo.

Condivido con voi per chi volesse dare un messaggio di forza, mi piacerebbe regalarle quell’ondata di sorellanza che respiro ogni giorno anche chiusa in casa, e che mi stimola a crescere con autodeterminazione.

Siamo così potenti sempre, vi abbraccio si respira la primavera e non vedo l’ora di camminare libera per le strade! CIAO!!

XXXXXXXXXXX

Stamattina mi sono svegliata e non è che stessi molto bene.

Ieri è stata una giornata difficile. Una di quelle in cui la lontananza dalle persone che amo si è fatta sentire un po di più.

E visto che non mi piace sentirmi così, svegliarmi con gli occhi gonfi, in balia di ansia e paranoia, ho deciso di fare qualcosa.

Normalmente sarei andata a camminare, una di quelle passeggiate senza meta solo con la musica a palla nelle orecchie.

Ma visto che il controllo sociale m’ha fatto venì l’ansia pure di far questo mi sono buttata sulla seconda cosa che mi rilassa nella vita:cucinare.

La cucina per me è come una pasta ajo,olio e peperoncino. È quella cosa che mi viene bene ma che non mi faccio mai perchè è troppo banale e non mi viene in mente..e invece mi da un sacco di soddisfazioni.

Ecco la cucina spesso la relego ad un gesto meccanico associato al lavoro dove ho delle regole e delle aspettative da soddisfare ed invece è molto altro.

Tutto sto pippone per dire che stamattina ho cucinato.

Ho una frase attaccata sul frigo che dice “si cucina sempre pensando a qualcunx altrimenti stai solo preparando da mangiare”.

Oggi ho cucinato pensando alle persone che amo a cui non posso essere vicino.

Al fatto che se alla fine de tutta sta storia “andrà tutto bene” sarà perchè le reti di amore, resistenza e solidarietà che abbiamo, coltiviamo e creiamo non ci faranno sentire solx.

Basta ricordarci che queste reti sono una risorsa e non ostinarsi a fare tutto da solx

—————————————–Venerdì 3 Aprile ——————————————-

https://noncollettivoqueer.blogspot.com/2020/04/giornata-mondiale-della-consapevolezza.html?m=1&fbclid=IwAR1wYHCWTeKBL5qXGPWVOd2NpZuijDjJAIttv1KCY0S5TxgBZzfjEXxWCyU

XXXXXXXXXXX

In days of lockdown raspberries really turn me on

  XXXXXXXXXXX

Questa è la dedica di una nostalgica migrante calabrese alle compagne

Preparate i fazzoletti 🥰

 

          XXXXXXXXXXX

Caru tuttu,

vorrei condividere con voi come sto vivendo la queerantena, e vi sono grata per essere in questo gruppo e potervi leggere.

Io mi sento molto fortunata.

Nella mia vita familiare, quando vivevo voi miei fino a 20 anni, ne abbiamo viste e vissute di cotte e di crude, per cui sono cresciuta con la forza del non arrendersi e del non abbattersi: se la situazione si fa dura o tragica tirare fuori la grinta, la tigna come la chiama mia madre di origini toscane.

E questo ha forgiato il mio carattere.

Poi a 20 anni quand’ho lasciato l’ovile, pian piano ho trovato Alcool, fino ad eleggerlo come mio amante preferito. E di lì, un’altra grande fortuna: vedere sempre il bicchiere mezzo pieno. E averlo mezzo pieno! Trovare il positivo in ogni situazione. Un po’ come quando piove da giorni e giorni e tu non vedi il sole. Non è che il sole non c’è.

Ovviamente la prima settimana di queerantena mi sono incazzata, perché mi saltavano tutti i piani e i progetti. In più quando uscivo mi veniva un senso di angoscia, quasi mi mancava il respiro a non vedere nessuno in giro, strade e viali deserti, negozi chiusi, sbirri e ambulanze in gran numero.

Oltretutto nel fare la spesa e coprire le vie aeree col foulard già di per sé avere meno ossigeno, amplifica la sensazione.

L’unica via che trovavo nello star fuori senza questa sensazione era stare al sole su una panchina, ad occhi chiusi.

Via via la sensazione è andata svanendo, era necessario metabolizzare e avere consapevolezza.

Profondi respiri a casa, vaaa beeennneeee… non posso partire….ok….faccio il corso di lingua però intanto….. onnnllliiiiinnneeeeeee vaaaaa beeeeennnnneeeeeee….

Ed è emerso in me un ricordo, che è un’altra cosa che mi ha aiutata.

Il fatto che pochi anni fa, in un’orrenda situazione in cui davvero ero a rischio di libertà, mi scese una lacrima e durante un colloquio con un@ amic@ dissi: piuttosto che arrendermi a vivere senza libertà…la faccio finita. Suonava come un grido disperato dentro di me, alle mie viscere, al mio subconscio, come una promessa solenne: lotterò con le unghie e con i denti perché non mi privino della libertà, …non può esserci vita senza libertà…, per cui, se ciò dovesse succedere, piuttosto sarei disposta a farla finita.

Vero è che questa consapevolezza, in situazioni di pericolo, mi porta a stringere il culo.

Ma altrettanto vero è che è uno dei motivi che mi hanno portata pian piano a scegliere di vivere oltre confine i miei prossimi anni. E ora rafforza sì la rabbia per le privazioni che stiamo vivendo (e che a mio avviso si potevano evitare), ma rafforza anche la consapevolezza che finché c’è libertà c’è vita.

E io che mi sono ripresa – per così dire – quella libertà che era stata così tanto e così arduamente messa a repentaglio, dai 10 anni di e all’inferno (sì, all’inferno, è la giusta definizione che ne ha dato un omeopata e qualcun@ fra i/le/lu compagn@ che sanno), voglio ancor di più colorarla! Disegnarla, ridisegnarla, schizzarla e squeertarla!

Così mi dico, mi sono sempre detta: bisogna trovare un lato positivo in tutto e in tutto ciò. Siamo nat@ per splendere e per brillare, non per essere spent@ e calpestat@ e reclus@!

Così ho trovato un lato positivo alla queerantena.

Sfruttare i limiti imposti alla libera circolazione e trarne vantaggio contro lo stalker che mi tampina più o meno assiduamente da novembre dell’anno scorso.

È il secondo della mia vita, il primo è stato un mio ex che mi ha stalkerata per un paio di mesi, e cioè da quando l’ho lasciato fino a novembre 2018: fra profili falsi su facebook, telefonate…ero arrivata al punto di denunciarlo: io, proprio io! Rivolgermi agli sbirri! Dietro consiglio di un avvocato che mi aveva seguito per una causa dalla quale dovevo difendermi e che ho vinto, andai alla Polizia. Quando feci il suo nome, lo sbirro alla scrivania controllò al computer e mi disse che non potevo sporgere denuncia perché era “attenzionato dalla Digos”. La cosa mi mandò letteralmente in bestia e fuori di testa!!! Perché poi pensai: da quando in qua essere “attenzionati dalla Digos” è un lusso per risparmiarsi una denuncia? È attenzionato o lavora per la Digos??? Se è attenzionato saranno contenti se si becca una denuncia! Ma questa è un’altra storia e lui per fortuna sono riuscita a farlo smettere facendogli credere che stavo con un altro.

Mi è tornato a cercare il primo maggio dell’anno scorso perché sapeva che ero co@ compagn@ in un posto. Non l’ho cagato. Poi non l’ho più visto.

Tra l’altro era un compagno dei centri sociali.

Insomma a novembre dell’anno scorso conosco questo tipo e subito mi sembra strano, ma aveva il mio numero e sapeva dove vivevo. Ha iniziato a stalkerarmi in ogni modo (col telefono) così l’ho bloccato e mi sono rivolta a un centro antiviolenza.

Parlandone con un conoscente, un giorno che era venuto fuori l’argomento, gli dissi “beh, vedi, sono fortunata perché uno stalker è un po’ come un diamante: è per sempre!” e nel ridere mi stavano scendendo delle lacrime, tirai su col naso e feci finta di nulla. È terribile essere stalkerat@.

Per interposta persona gli ho fatto avere una diffida dall’avvocata del centro antiviolenza via mail, e l’ho dovuto sbloccare, e rendermi conto che non aveva funzionato perché continuava a scrivermi come niente fosse.

Grazie alla queerantena ho chiamato l’avvocata e abbiamo concordato il da farsi. Ho risposto all’ultimo messaggio dello stalker dicendogli chiaramente che non voglio più avere a che fare con lui e di non continuare perché mi infastidisce.

Mi ha risposto va bene, capito, ciao.

(Non voglio denunciarlo per non cadere dalla padella alla brace…ho i miei motivi…)

Spero che anche come movimento e come collettivi riusciremo a trovare il positivo.

Spero che ciascun@ di noi lo trovi per sé e per le/gli altr@.

Sono davvero molto felice di essere in questo gruppo e di leggervi.

È una grande coccola, una grande carezza.

È la certezza che non si è mai sol@ fino in fondo, né sbagliat@.

È la bellezza del vedervi e vederci splendere.

Vi abbraccio tutt@ 🥰🥰🥰🥰🍀💐🌻

————————————— Domenica 6 Aprile ————————————

Come molti altri docenti precari come me, ad oggi ancora stiamo aspettando lo stipendio.

Per giunta non possiamo richiedere i famosi 600 euro in quanto detentori di contratto a tempo determinato.

VOGLIAMO I SOLDI!

che la crisi la paghino i Padroni!

#stopaffitti
#stopbollette


XXXXXXXXXX

Oggi sto così…
Dalle poesie di uno dei commediografi che più amo
Ij vuless truvà pac

 

XXXXXXXXXXX

Secondo appuntamento di
Queer’s Table 🔪🔥

Fettuccine acqua e farina
E ragù di soia

Per la prossima settimana
Abbiamo pensato di vederci sabato 11/4
Alle h 10.30
Per cucinare insieme un altro piatto
A sorpresa.
Lasciate un commento sotto il post se volete ricevere gli ingredienti per la mistery box.

Grazie a tuttx quellx che hanno partecipato ieri è stato davvero bello e potente.

Chi ha sorelle non è mai solx!

#fuochisempreaccesi
#demiqueerantenalatuya


————————————— Lunedì 7 Aprile  ——————————————-

Covid19-Nessuna da sola-Sostieni le sexworker
·
COVID 19 – SOLIDARIETÀ IMMEDIATA PER LE SEX WORKER PIÙ COLPITE DALL’EMERGENZA

📢 La pandemia #COVID19 sta influendo drammaticamente sulle vite di chi fa lavoro sessuale. La maggior parte delle e dei #sexworker non è in grado di accedere alle prestazioni sociali istituite come misure di emergenza dal Governo. È un momento di disperazione e di paura: molte delle giovani sex worker donne e persone trans sono migranti, sole e senza una rete familiare a cui far riferimento; molte altre sono madri e con il loro lavoro sostengono tutta la famiglia.

📢 In queste settimane e sempre di più nelle prossime, l’#emergenza che stiamo vivendo sta spingendo sull’orlo del baratro molte/i di loro, dando origine a situazioni di disagio e povertà sempre più gravi . E sarà sempre peggio. Vi sono persone dedite ad attività di prostituzione in forma libera, concordata o costretta, già in condizioni di vulnerabilità umana e sociale, e oggi rischiano di precipitare in condizioni di #povertà estrema. Condizioni di necessità che potrebbero costringerle a lavorare, violando le regole, esponendosi alle relative conseguenze penali e ai rischi per la propria salute e quella collettiva.

🔥 Gli/le operatrici/ori del sistema nazionale antitratta, in collaborazione con altre reti e soggetti del civismo attivo e dell’auto-organizzazione delle sex worker, promuovono una campagna di #crowdfunding mirata a sostenere economicamente e con aiuti materiali tutte queste persone che stanno vivendo in una condizione di indigenza, determinata dall’emergenza Covid-19 e che non potranno richiedere gli ammortizzatori sociali .

🔥 Vogliamo spezzare questo silenzio e stare al fianco di tutte le lavoratrici e lavoratori sessuali che sono maggiormente vulnerabili in questa situazione emergenziale . Per questo lanciamo una rete di #solidarietà che possa aiutare nel concreto e raggiungere quante più persone possibili, attraverso la Piattaforma nazionale anti-tratta,
le associazioni e i collettivi che da anni lavorano come supporto alla complessa realtà del sex work.

TUTTI I SOLDI DONATI VERRANNO UTILIZZATI PER ASSISTERE ECONOMICAMENTE E MATERIALMENTE LAVORATRICI E LAVORATORI SESSUALI IN SITUAZIONI DI ESTREMO BISOGNO:

Per contribuire va bene qualsiasi cifra vogliate donare, sottoscrivete in maniera libera e generosa.

🔥 #nessunadasola #sosteniamolesexworker

❣️ CONDIVIDI, SOSTIENI E METTI IL LIKE ALLA PAGINA!

https://www.produzionidalbasso.com/…/covid19-nessuna-da-so…/

 

————————————Mercoledì 8 aprile—————————————-

Oggi sono riuscita finalmente a completare una poesia che ho iniziato a scrivere durante sta quarantena…

Quarantena:

Dunque sto ferma
in casa sto ferma
non odo nessuna
e tutto si ferma.

La sera soltanto la luna
e ogni cosa in silenzio si spegne.

Son finiti i traguardi
le corse frenetiche
gli sguardi veloci
e le troppe parole.

E’ calato il sipario
il teatro è passato
son finiti gli attori.
Non ci sono più prediche
ne grigi signori.

Suprema è arrivata la Noia
dall’alto ti guarda
veloce ti spoglia
sicura pervade ogni instante
poi ti porta leggeri ricordi
e silente risolve qualche pensiero errante.

E così dentro un infinito spazio aspetto.

XXXXXXXXXXXX

Caru compagnu…

non so se voi ogni tanto sbirciate alle masse e al regime…e al contorno…

io ogni tanto sì…sui social e in tv, cioè i tecnologici e mi’ nonna… (evito i giornali perché a me…gli intellettualoidi me stanno sul caxxo! E poi non c’ho i sordi!)

Quando lo faccio aumenta la sensazione, che si fa certezza, di essere presa in giro porcoddio….!!!! Come noi tuttu!

So che questo prescinde ed esula dall’identità sessuale, ma mi piacerebbe che noi femministu e transfemministu avessimo voce…..e non so come….

Li guardo…, poco fa la conferenza della protezione civile 5-10 minuti prima che finisse, e mi dico:

Cioè, detta bene, so’ fori de testa!!!

detta male…so’ marci!!!

E noi, compagnu, sapemo che so’ marci!

Anche perché er sistema pe’ dì che unu è fori de testa l’hann inventato loro! E sapemo come finisce e sapemo che è ‘n’arma loro!

Allora ve chiedo… ce state a fa’ ‘na parodia de ‘sta farsa?

Potemo partì dalle conferenze della protezione civile o da quelle de Conte.

Io preferisco quelle della protezione civile perché è più facile!

Ma se po’ partì da dove volemo…perchè è evidente che so’ dei pagliacci!

Loro e i giornalisti!

L’unica che se salva è la traduttrice!

Je potemo fa’ qualcò? Ce potemo fa’ qualcò?

Potemo fa’ qualcos’altro….ma ve prego!!! Famo qualcò!!!!

Ribaltamoje i concetti, noi lo sapemo fa’, li sapemo smascherà benissimo!

Avoja che ce parleno dele mascherine!!!!

A me la rabbia me viè, e quanno me viè, la vojo prenne a ride….. m’aiutate a falla passà?

(non so perchè m’è venuto in romano! o limitrofo…)

————————————Venerdì 10 aprile—————————————

Ciao a tuttu, sono Kelly e ho 27 anni.

Sono una donna che convive con un disturbo della personalità, femminista e queer. Scrivo di salute mentale e femminismo su Pasionaria.it.

Mi permetto di condividere qua un mio video, che ho pubblicato un mesetto fa su YouTube, sulla salute mentale e il coronavirus. Ne sto parlando molto anche nella mia pagina da diversi punti di vista, se volete dare uno sguardo.

Questo è video è pensato soprattutto per chi soffre di ansia e attacchi di panico come me.

Vorrei dirvi però che non sono una psicologa o una psichiatra.

Spero di fare cosa gradita a tuttu. Se non è gradito mi scuso anticipatamente con le persone che amministrano.

Grazie per questo bel gruppo 

XXXXXXXXXXXX

Dichiarazione delle organizzazioni regionali e internazionali di persone con disabilità psicosociali, con raccomandazioni nel contesto della pandemia di COVID-19

http://www.chrusp.org/…/COVID-19-e-persone-con-disabilita-p…

(disponibile anche in altre lingue al link: http://www.chrusp.org/home/covid19…)

—————————————-Mercoledì 12 Aprile—————————————

8 Aprile – Luna Piena Rosa

Ci abbiamo messo qualche giorno a condividere perché avevamo bisogno di tempo per abituarci a quelle che sono a tutti gli effetti le nostre nuove coinquiline.

A loro del distanziamento sociale non interessa e noi osserviamo affascinate dalle nostre finestre sigillate.

God save the Queen Bee

Mary & Jane

————————————giovedì 16 aprile 2020———————————-

————————————mercoledì 22 aprile 2020——————————-

—————————————giovedì 23 aprile 2020——————————-

 

————————————–sabato 25 aprile 2020—————————————

Baci da Cagliari

————————————–mercoledì 29 aprile 2020———————————-

“… ma quando stiamo zitte
anche allora abbiamo paura.
Perciò è meglio parlare
ricordando
che non era previsto che sopravvivessimo”.
(Audre Lorde)

XXXXXXXXXXX

Honolulu, giorno chipuòdirlo della queerantena

Ormai non ricordo più da quanti giorni non ti tocco. Il tempo passa lento e, rapido, si porta via i ricordi tattili dell’ultima volta che abbiamo sgualcito le lenzuola.

Ce lo domandavamo, fin dall’inizio, cosa sarebbe stato delle nostre sessualità in questa quarantena.

Piano piano ho sentito i desideri allontanarsi da me, separarsi e prendere una forma indipendente da me.

Ho smesso di eccitarmi, di immaginare interazioni erotiche tra noi. Ho smesso di pensare al sesso, di considerarlo una priorità. Ho sospeso la lettura dei racconti erotici che mi sono sempre piaciuti. Ho smesso persino di masturbarmi, a un certo punto. Punto.

Mi sono aggrappata ai ricordi, dunque, al calore del tuo respiro sulla mia pelle, alla stretta delle tue mani forti sulle mie spalle.

Ma questo non mi bastava: come ogni persona, sentivo il bisogno del contatto fisico e la mancanza delle interazioni più banali, date spesso per scontate. Iniziare a chiedere “posso abbracciarti?” o “ti va di abbracciarmi?” alle sorelle con cui ho scelto di condividere la vita è stato difficile. Ho iniziato a pensare a quanto questa quarantena sarebbe stata un quotidiano esercizio del consenso, non che prima non lo fosse ugualmente, ma rispetto a qualsiasi cosa.

Abbiamo parlato di cosa significa per noi, sorelle, compagne, amanti, amori, cagne, rielaborare forme di cura in questo contesto, rimodularle mantenendone inalterata l’intensità. Faticoso, ma necessario.

E così abbiamo deciso di sperimentare nuove strade, o riprendere quelle che spesso abbiamo scelto giusto per giocare.

La fantasia e l’immaginazione sono state le nostre migliori alleate e complici.

Raccontarci i nostri desideri, condividere le perversioni, aprender a hablar sucio, significava fare un passo oltre le solite pratiche che ci piacciono. Con uno schermo a dividerci bisognava reinventare totalmente il nostro modo di relazionarci, fisicamente, eroticamente e sessualmente.

Timidamente si sono fatte largo le parole, i gemiti a distanza e i racconti dei ricordi vissuti, ma anche delle fantasie mai esplorate. Goffamente, con imbarazzo e tante risate, ci abbiamo provato.

Mi sono bagnata per la prima volta pensando a quella sera in cui mi hai legata alla testiera del letto, gambe aperte, e hai sfiorato ogni centimetro della mia pelle, dalle orecchie alla clitoride.

Mi sono eccitata immaginando di guardarti mentre, con quello sguardo desiderante, mi chiedi di prendere quel dildo che ti piace tanto.

Apnea quando mi arrivano le foto del tuo corpo nudo, ma mai completamente scoperto.

Tachicardia mentre ti scrivo quei lunghissimi messaggi dettagliando cosa vorrei farti, cosa vorrei farci fare.

Mi perdo, per un attimo, mentre ti leggo queste righe e sento crescere la tua eccitazione, il tuo desiderio.

Brividi intensi quando hai scelto di lasciarti guidare dalla mia voce in un orgasmo intimo e profondo.

Osservarti attraverso lo specchio mentre mi spogli lentamente, girandomi attorno con la determinazione di quando sai quello che vuoi, di quando mi dai la schiena e, provocandomi con ironia, mi mostri il culo.

Volerti baciare le labbra così intensamente da sembrare reale.

Sognare di prenderti, spingerti addosso al muro, stringerti i polsi e morderti il collo.

Scivolarti sulla pelle per leccare quei capezzoli così duri, così sensibili.

Bloccarti le caviglie e soffiarti leggermente in mezzo alle gambe.

Scegliere di guardarci godere, resistendo all’istinto de prende’ a capocciate er muro subito dopo.

Ti sento, sei qui, mi sollevi dolcemente sul davanzale, freddo, della finestra, soffermandoti con la lingua su ogni goccia di me che fluisce tra le gambe.

Vengo, come non succedeva da un po’.

Sfinita tra le lenzuola, finalmente respiro.

È tutto vero, mi ripeto.

E secondo voi?

—————————————venerdì 1 maggio 2020————————————

Ultimo giorno di Aprile – Un mese di lavoro in tempi di Covid-19

05:30 Mi suona la sveglia per andare a lavoro ma rimango a letto. Il giorno prima c’era riunione e ho dormito meno di 6 ore.

05:50 Mi faccio un Tè con il latte, mi lavo, mi preparo il pranzo, mi vesto e mi preparo il cambio da mettere una volta arrivata a lavoro.

Ho cambiato abitudini durante la pandemia: non prendo + mezzi, ne’ treni ma noleggio quelle biciclette rosse elettriche che si trovano in giro.

Mi sono scaricata l’App e inserendo i miei dati, pago 2 Euro al giorno 1 per l’andata e 1 per il ritorno. Onesto alla fine: mi faccio la mia pedalata fino al centro di questa Roma deserta ma non sono stremata quando arrivo.

06.55 Arrivo alla bicicletta che trovo sulla Via del Pigneto, hanno riaperto il mercato e mi godo la scena dei banchi che si preparano, si mettono le cassette della frutta e della verdura.

Mi sono organizzata per la pulizia della bici ed esco con pezzetta, spruzzino con alcool e guanti.

Una volta pulita non mi resta che far partire la bici, inquadro il QR Code ma non va. Mi chiede di inserire le modalità’ di pagamento e mi accorgo che la Carta scade ad Aprile 2020.

Non che non lo sapessi già’ ma due mesi fa non pensavo che mi sarei scontrata con questa triste realtà.

07:09 Ho poche alternative: 1) inserire i dati per la quarta volta 2) chiamare la banca pretendendo che anche l’ultimo giorno quella carta deve valere 3) andare a casa a prendere la carta nuova, inserire i nuovi dati e far partire la bicicletta

Oppure 4) tornare a casa, prendere la cara e vecchia bicicletta che e’ ormai chiusa da 2 mesi e utilizzare quella per andare al centro.

Decido per quest’ultima opzione, corro a casa e la trovo lì e scendo nuovamente per sei piani questa volta col mio mezzo. Mentre sono in ascensore mi rendo conto che non l’ho proprio controllata ultimamente: le gomme sono un po’ sgonfie e chissà i freni se vanno bene ma non ho tempo di pensarci.

La cavalco in strada e inizio a pedalare, pedalare su Via Prenestina.

Corri corri corri che sei già’ in ritardo.

Attraverso Porta Maggiore e giro per Via Statilia. Mi fermo al semaforo a San Giovanni e mi inizio a togliere una felpa che ho sotto la giacchetta che indosso.

Scendo giu’ per Via dell’Ambaradan e quando mi fermo nuovamente al semaforo di Porta Metronia mi accorgo che i freni non fanno il loro dovere.

Vado verso Terme di Caracalla, supero due semafori rossi e costeggio Circo Massimo. Iniziano i sampietrini. Per carita’, bellissimi. Ma se intervallati dalle buche possono risultare mortali. Inoltre queste sono le vie dove ci sono piu’ controlli. O per lo meno le macchine delle guardie sono piazzate li’. Di solito non ti fermano sulla bicicletta ma non si mai.

07.35 Non mi fermano. Sfreccio verso Via dei Cerchi e mi butto su Via Petroselli. Salgo su un marciapiede e mi ritrovo a fare salite che negli ultimi giorni con la bici elettrica non mi erano pesate. Sono stremata ma non mi fermo.

Sono sul Lungotevere, ci sono quasi. Ponte Garibaldi. Ho comunque l’istinto di guardarmi intorno: l’Isola Tiberina, il Tevere e i suoi gabbiani, la cupola di San Pietro in lontananza.

Entro a Trastevere.. ancora sampietrini ma ci sono quasi.

07:43 Arrivo a lavoro stremata, sudata, forse puzzo un po’… parcheggio la bici nel cortiletto interno e vado a timbrare l’ingresso.

E quindi mi vado a cambiare, mi lavo e mi asciugo ed e’ cosi’ che mi ricordo che siamo in regime di Pandemia che a lavoro vuol dire lavati-le-mani-indossa-i-guanti-disinfetta-metti-la-mascherina-non-toccarti.

Due chiacchiere con i colleghi sulla regolamentazione per la prossima settimana, il tempo di farmi un altro Te’ e sono operativa.

Ho ancora l’adrenalina della corsa mista al sonno mancato e mentre do il “Buongiorno” a chi entra e mi leggo le notizie del giorno.

09:30 Vado di nuovo in bagno che di questi tempi vuol dire togli-i-guanti-lava-le-mani-apri-la-porta-col-gomito-disinfetta-la-tavoletta-siedi. Per scoprire che mi e’ venuto il ciclo in anticipo!

Quindi mi lavo-le-mani-rimetto-guanti-e-mascherina e torno in ufficio per prendere un assorbente e gia’ che ci sono mi prendo anche una pillola per evitare dolori non desiderati.

Mi tolgo-i-guanti-mi-lavo-le-mani- ingoio la pillola e vado in bagno.

Mi accorgo che sto sudando ma mi tengo perche’ mi sta succedendo perche’ non mi sono abbassata la mascherina e non ho i guanti.

Vogliamo parlare di quanto sia difficile di questi tempi mettersi la Mooncup o un assorbente interno senza avere l’ansia di toccare, toccarti, poggiare e pulirti?

La mia giornata e’ appena cominciata e gia’ sono esausta.

Buon Primo Maggio alle mie colleghe, a chi lavora, a chi non lavora, a chi è una smartworker, a chi è in Cassa Integrazione, a chi è disoccupata, a chi il contratto è appena scaduto e non è stato rinnovato, a chi è pendolare, a chi lavorava a chiamata, a chi studia, a chi non produce ed è contenta cosi’, a chi fa volontariato e a chi non riesce a stare ferma!

 

 

 

 

 

XXXXXXXXX

Distanti

Il distanziamento sociale crea distanza,
la convivenza forzata anche.

Bisogna saper prendere le distanze,
con la giusta distanza,
stare a debita distanza.

In questi giorni mi sento distante,
cerco distanza da me,
distanza dalle distanze.

Non sono mai abbastanza distante dal prossimo,
il prossimo crea prossimità,
la prossimità crea conflitto,
Il conflitto crea distanza.

Distanziata,
mi sento distante anni luce,
eliminiamo le distanze.

Buon 1 Maggio 

————————————sabato 2 maggio 2020—————————–

Oggi ritorniamo nelle strade e ci uniamo al Ruidazo Global per gridare che alla normalità non vogliamo tornare perché quella era il problema!
—Lo sciopero vive nelle lotte—

#primomaggiofemministatransfemminista #RuidazoGlobal #feministastransfronterizas
#primomaggiofemministatransnazionale #cagnesciolte #noborders #queer #nocpr #odiamoilcarcere
#nonsistavabeneprima#nonsestabeneadesso#femminismo#transfemminismo#lottafemminista#lottatransfemminista#transfeminist#feminism#controlaviolenzadigeneresuigeneri#sorellanonseisola#nosessismo#emergenzacovid19#demiqueerantenalatuya

 

—————————–domenica 3 maggio 2020——————————————

Ultima puntata di Queer’s table
Di oggi

Arepas
Guacamole
Pico de gallo
Melanzane grigliate

🔥🔪

Grazie a tutt*
É bello e potente cucinare insieme
Hermanas

#fuochisempreaccesi
#demuqueerantenalatuya

%